69° Festival di Locarno: stasera pre-apertura con il kolossal “Gotthard”

SONY DSC

Il kolossal della vigilia. Il Festival di Locarno offre stasera un altro appuntamento di prefestival. Dopo la serata di domenica, sempre a ingresso gratuito, con “Lo chiamavano Trinità” (1970) di Enzo Barboni in omaggio a Bud Spencer, si scaldano i motori e si riprova il proiettore in vista dell’inaugurazione di domani. Nell’arena all’aperto più grande d’Europa sarà presentata la maggior produzione nella storia del cinema svizzero, “Gotthard” di Urs Egger che ricostruisce la costruzione del primo traforo ferroviario del Gottardo, tra il 1872 e il 1882, con la partecipazione di Maxim Mehmet, Pasquale Aleardi, Miriam Stein, Carlos Leal e Walter Leonardi. La proiezione sarà preceduta dal cortometraggio documentario “Sotto il gigante” del ticinese Niccolò Castelli, cinque minuti per raccontare quasi un secolo e mezzo di storia fino all’inaugurazione della galleria di base avvenuta lo scorso primo giugno.
Non è la prima volta che l’opera che collega sud e nord dell’Europa arriva sul grande schermo. Successe con “Il vetturale del San Gottardo” (1941) di Ivo Illuminati, affiancato da Hans Hinrich, che aveva Osvaldo Valenti tra gli interpreti, lungometraggio da poco restaurato. Oltre tre decenni dopo il ticinese Villi Hermann unì finzione e documentario per mettere in parallelo in parallelo i lavori per il primo tunnel ferroviario con quello stradale, scavato negli anni ’70 del secolo scorso: il risultato fu “San Gottardo”, Pardo nel 1977.
Intanto la manifestazione ticinese ha annunciato un altro premio: il Lifetime Achievement Award sarà assegnato la sera del 6 agosto al grande attore Harvey Keitel e sarà proiettato “Smoke” di Wayne Wang, premio del pubblico della piazza nel 1995.
Il festival del Lago Maggiore entrerà nel vivo domani. In serata in Piazza Grande consegna dell’Excellence Award all’attore americano Bill Pullman seguita dalla pellicola inglese di zombie al femminile “The Girl With All The Gifts” di Colm McCarthy con Gemma Arterton, Paddy Considine e Glenn Close. Informazioni e programma www.pardo.ch.
Nicola Falcinella

More from Nicola Falcinella
Festival de Cannes. A metà percorso della 68.ma edizione
Se il concorso è sotto le aspettative, con i due film italiani...
Read More
Leave a comment